Bibliomedica In-forma

News e segnalazioni dalla Biblioteca Biomedica dell'Università di Firenze

  • settembre: 2017
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
  • Archivi

Posts Tagged ‘Genetica’

Sindrome nefrosica: da Meyer e Unifi un test rivoluzionario

Posted by bibliotecabiomedica su luglio 28, 2014

E’ destinato a rivoluzionare la diagnosi della sindrome nefrosica, il nuovo test genetico messo a punto dall’equipe del Meyer e dell’Università di Firenze, guidata dalle prof.sse Sabrina Giglio e Paola Romagnani.
Il test, semplice, poco costoso e altamente efficace, permetterà di accelerare il processo diagnostico e, di conseguenza, anche quello terapeutico.Lo studio è stato recentemente pubblicato sul Journal of the American Society of Nephrology.

Articolo di riferimento:
Giglio S, Provenzano A, Mazzinghi B, Becherucci F, Giunti L, Sansavini G, Ravaglia F, Roperto RM, Farsetti S, Benetti E, Rotondi M, Murer L, Lazzeri E, Lasagni L, Materassi M, Romagnani P. Heterogeneous Genetic Alterations in Sporadic Nephrotic Syndrome Associate with Resistance to Immunosuppression. Journal of the American Society of Nephrology, pubblicato online il 24 luglio 2014

Fonte: Osservatorio malattie rare

Annunci

Posted in Consigli di lettura | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Create cellule staminali embrionali senza distruzione degli embrioni: articolo su Nature Communications

Posted by bibliotecabiomedica su gennaio 28, 2014

Ricercatori del Karolinska Institutet sono riusciti a creare cellule staminali embrionali umane senza distruggere embrioni umani, risolvendo il problema etico che impedisce agli scienziati di vari paesi, compresa l’Italia, di utilizzare tali cellule.

Articolo di riferimento:
Rodin S, Antonsson L, Niaudet C, Simonson OE, Salmela E, Hansson EM, Domogatskaya A, Xiao Z, Damdimopoulou P, Sheikhi M, Inzunza J, Nilsson AS, Baker D, Kuiper R, Sun Y, Blennow E, Nordenskjöld M, Grinnemo KH, Kere J, Betsholtz C, Hovatta O, Tryggvason K. Clonal culturing of human embryonic stem cells on laminin-521/E-cadherin matrix in defined and xeno-free environment. Nature Communications. 2014 Jan 27;5:3195
Leggi l’articolo completo (open access)

Fonte: ADNKronos

Posted in Consigli di lettura, Open Access, Periodici elettronici E-books | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Anche l’Università di Firenze nello studio che ha scoperto nuovi geni legati all’Alzheimer

Posted by bibliotecabiomedica su ottobre 30, 2013

Ci sono anche due ricercatori dell’Università di Firenze tra gli studiosi che hanno partecipato allo studio, pubblicato su Nature Genetics, con cui sono stati individuati altri 11 nuovi geni associati alla malattia di Alzheimer.
La metanalisi è stata condotta su 74.046 pazienti da vari centri europei e statunitensi, tra cui l’Azienda ospedaliero-universitaria Careggi.

Articolo di riferimento:
Lambert JC, Ibrahim-Verbaas CA, Harold D, Naj AC, Sims R, Bellenguez C, Jun G, Destefano AL, Bis JC, Beecham GW, Grenier-Boley B, Russo G, Thornton-Wells TA, Jones N, Smith AV, Chouraki V, Thomas C, Ikram MA, Zelenika D, Vardarajan BN, Kamatani Y, Lin CF, Gerrish A, Schmidt H, Kunkle B, Dunstan ML, Ruiz A, Bihoreau MT, Choi SH, Reitz C, Pasquier F, Hollingworth P, Ramirez A, Hanon O, Fitzpatrick AL, Buxbaum JD, Campion D, Crane PK, Baldwin C, Becker T, Gudnason V, Cruchaga C, Craig D, Amin N, Berr C, Lopez OL, De Jager PL, Deramecourt V, Johnston JA, Evans D, Lovestone S, Letenneur L, Morón FJ, Rubinsztein DC, Eiriksdottir G, Sleegers K, Goate AM, Fiévet N, Huentelman MJ, Gill M, Brown K, Kamboh MI, Keller L, Barberger-Gateau P, McGuinness B, Larson EB, Green R, Myers AJ, Dufouil C, Todd S, Wallon D, Love S, Rogaeva E, Gallacher J, St George-Hyslop P, Clarimon J, Lleo A, Bayer A, Tsuang DW, Yu L, Tsolaki M, Bossù P, Spalletta G, Proitsi P, Collinge J, Sorbi S, Sanchez-Garcia F, Fox NC, Hardy J, Naranjo MC, Bosco P, Clarke R, Brayne C, Galimberti D, Mancuso M, Matthews F; European Alzheimer’s Disease Initiative (EADI); Genetic and Environmental Risk in Alzheimer’s Disease (GERAD); Alzheimer’s Disease Genetic Consortium (ADGC); Cohorts for Heart and Aging Research in Genomic Epidemiology (CHARGE), Moebus S, Mecocci P, Del Zompo M, Maier W, Hampel H, Pilotto A, Bullido M, Panza F, Caffarra P, Nacmias B, Gilbert JR, Mayhaus M, Lannfelt L, Hakonarson H, Pichler S, Carrasquillo MM, Ingelsson M, Beekly D, Alvarez V, Zou F, Valladares O, Younkin SG, Coto E, Hamilton-Nelson KL, Gu W, Razquin C, Pastor P, Mateo I, Owen MJ, Faber KM, Jonsson PV, Combarros O, O’Donovan MC, Cantwell LB, Soininen H, Blacker D, Mead S, Mosley TH Jr, Bennett DA, Harris TB, Fratiglioni L, Holmes C, de Bruijn RF, Passmore P, Montine TJ, Bettens K, Rotter JI, Brice A, Morgan K, Foroud TM, Kukull WA, Hannequin D, Powell JF, Nalls MA, Ritchie K, Lunetta KL, Kauwe JS, Boerwinkle E, Riemenschneider M, Boada M, Hiltunen M, Martin ER, Schmidt R, Rujescu D, Wang LS, Dartigues JF, Mayeux R, Tzourio C, Hofman A, Nöthen MM, Graff C, Psaty BM, Jones L, Haines JL, Holmans PA, Lathrop M, Pericak-Vance MA, Launer LJ, Farrer LA, van Duijn CM, Van Broeckhoven C, Moskvina V, Seshadri S, Williams J, Schellenberg GD, Amouyel P. Meta-analysis of 74,046 individuals identifies 11 new susceptibility loci for Alzheimer’s disease. Nature Genetics, pubblicato online il 27 ottobre 2013.
Leggi l’articolo completo (solo per utenti dell’Università di Firenze)

Fonte: InToscana.it Salute

Posted in Consigli di lettura | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Genetica: online Drug-Gene Interaction database (DGIdb)

Posted by bibliotecabiomedica su ottobre 15, 2013

Presentata in un articolo su Nature Methods, la banca dati “Drug-Gene Interaction” si candida ad essere un nuovo utile strumento per tutti i laboratori di tutto il mondo.
Attualmente contiene oltre 14.000 interazioni gene-farmaco che coinvolgono 2.600 geni del nostro Dna e 6.300 molecole, alcune approvate come farmaci e altre ancora in fase di sperimentazione. C’è poi un’ulteriore sezione con 6.700 geni che in futuro potrebbero diventare bersaglio per nuovi farmaci.

Vai al database

Fonte: Sanità News

Posted in Come si fa?, Open Access | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Sclerosi multipla: importante studio individua 48 nuove varianti genetiche associate alla malattia

Posted by bibliotecabiomedica su ottobre 4, 2013

Un imponente studio, che ha visto la collaborazione di quasi 200 ricercatori da 13 paesi diversi, tra cui l’Italia, ha scoperto 48 nuove varianti genetiche associate alla sclerosi multipla.
Lo studio ha analizzato il DNA di 29.300 individui affetti da Sm e di 50.794 individui sani.

Articolo di riferimento:
International Multiple Sclerosis Genetics Consortium (IMSGC), Beecham AH, Patsopoulos NA, Xifara DK, Davis MF, Kemppinen A, Cotsapas C, Shah TS, Spencer C, Booth D, Goris A, Oturai A, Saarela J, Fontaine B, Hemmer B, Martin C, Zipp F, D’Alfonso S, Martinelli-Boneschi F, Taylor B, Harbo HF, Kockum I, Hillert J, Olsson T, Ban M, Oksenberg JR, Hintzen R, Barcellos LF; Wellcome Trust Case Control Consortium 2 (WTCCC2); International IBD Genetics Consortium (IIBDGC), Agliardi C, Alfredsson L, Alizadeh M, Anderson C, Andrews R, Søndergaard HB, Baker A, Band G, Baranzini SE, Barizzone N, Barrett J, Bellenguez C, Bergamaschi L, Bernardinelli L, Berthele A, Biberacher V, Binder TM, Blackburn H, Bomfim IL, Brambilla P, Broadley S, Brochet B, Brundin L, Buck D, Butzkueven H, Caillier SJ, Camu W, Carpentier W, Cavalla P, Celius EG, Coman I, Comi G, Corrado L, Cosemans L, Cournu-Rebeix I, Cree BA, Cusi D, Damotte V, Defer G, Delgado SR, Deloukas P, di Sapio A, Dilthey AT, Donnelly P, Dubois B, Duddy M, Edkins S, Elovaara I, Esposito F, Evangelou N, Fiddes B, Field J, Franke A, Freeman C, Frohlich IY, Galimberti D, Gieger C, Gourraud PA, Graetz C, Graham A, Grummel V, Guaschino C, Hadjixenofontos A, Hakonarson H, Halfpenny C, Hall G, Hall P, Hamsten A, Harley J, Harrower T, Hawkins C, Hellenthal G, Hillier C, Hobart J, Hoshi M, Hunt SE, Jagodic M, Jelčić I, Jochim A, Kendall B, Kermode A, Kilpatrick T, Koivisto K, Konidari I, Korn T, Kronsbein H, Langford C, Larsson M, Lathrop M, Lebrun-Frenay C, Lechner-Scott J, Lee MH, Leone MA, Leppä V, Liberatore G, Lie BA, Lill CM, Lindén M, Link J, Luessi F, Lycke J, Macciardi F, Männistö S, Manrique CP, Martin R, Martinelli V, Mason D, Mazibrada G, McCabe C, Mero IL, Mescheriakova J, Moutsianas L, Myhr KM, Nagels G, Nicholas R, Nilsson P, Piehl F, Pirinen M, Price SE, Quach H, Reunanen M, Robberecht W, Robertson NP, Rodegher M, Rog D, Salvetti M, Schnetz-Boutaud NC, Sellebjerg F, Selter RC, Schaefer C, Shaunak S, Shen L, Shields S, Siffrin V, Slee M, Sorensen PS, Sorosina M, Sospedra M, Spurkland A, Strange A, Sundqvist E, Thijs V, Thorpe J, Ticca A, Tienari P, van Duijn C, Visser EM, Vucic S, Westerlind H, Wiley JS, Wilkins A, Wilson JF, Winkelmann J, Zajicek J, Zindler E, Haines JL, Pericak-Vance MA, Ivinson AJ, Stewart G, Hafler D, Hauser SL, Compston A, McVean G, De Jager P, Sawcer SJ, McCauley JL,  Analysis of immune-related loci identifies 48 new susceptibility variants for multiple sclerosis, Nature Genetics, pubblicato online il 29 settembre 2013
Leggi l’articolo completo (solo per utenti dell’Università di Firenze)

Posted in Consigli di lettura | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Anomalie cromosomiche nei disordini neoplastici: linee guide su Genetics in medicine

Posted by bibliotecabiomedica su agosto 2, 2013

Su Genetics in Medicine sono state pubblicate delle linee guida prodotte dall’American College of Medical Genetics and Genomics per fornire degli standard di riferimento ai laboratori di genetica; in particolare le linee guida si concentrano sulla tecnologia dei microarray, fornendo criteri per la verifica e la validazione di hardware, software, reagenti e processi, metodi di raccolta del DNA di riferimento, controlli di qualità e garanzie, software per l’analisi dei dati e, infine, per la valutazione e l’interpretazione dei risultati.

Articolo di riferimento:
Linda D. Cooley, Matthew Lebo, Marilyn M. Li, Marilyn L. Slovak & Daynna J. Wolff for A Working Group of the American College of Medical Genetics and Genomics (ACMG) Laboratory Quality Assurance Committee, American College of Medical Genetics and Genomics technical standards and guidelines: microarray analysis for chromosome abnormalities in neoplastic disorders, Genetics in medicine, (2013) 15, 484–494.

Fonte: Osservatorio malattie rare

Posted in Consigli di lettura | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Leucodistrofia metacromatica e Sindrome di Wiskott-Aldrich si curano con il virus HIV: scoperta Telethon

Posted by bibliotecabiomedica su luglio 16, 2013

Arriva dall’Istituto Telethon, dopo tre anni di sperimentazioni, la notizia che due gravi malattie rare – la leucodistrofia metacromatica e la sindrome di Wiskott-Aldrich – trattate con terapia genica sono state debellate, se la terapia viene iniziata nelle prime fasi della malattia.
La terapia genica consiste nel prelevare cellule staminali ematopoietiche dal midollo osseo del paziente, nelle quali viene introdotta una copia corretta del gene altrimenti diffettoso, attraverso dei vettori virali derivati da HIV.

Articoli di riferimento:
Alessandro Aiuti, Luca Biasco, Samantha Scaramuzza, Francesca Ferrua, Maria Pia Cicalese,Cristina Baricordi, Francesca Dionisio, Andrea Calabria, Stefania Giannelli, Maria Carmina Castiello,Marita Bosticardo, Costanza Evangelio, Andrea Assanelli, Miriam Casiraghi, Sara Di Nunzio,Luciano Callegaro, Claudia Benati, Paolo Rizzardi, Danilo Pellin, Clelia Di Serio, Manfred Schmidt,Christof Von Kalle, Jason Gardner, Nalini Mehta, Victor Neduva, David J. Dow, Anne Galy,Roberto Miniero, Andrea Finocchi, Ayse Metin, Pinaki Banerjee, Jordan Orange, Stefania Galimberti, Maria Grazia Valsecchi, Alessandra Biffi, Eugenio Montini, Anna Villa, Fabio Ciceri,Maria Grazia Roncarolo, and Luigi Naldini, Lentiviral Hematopoietic Stem Cell Gene Therapy in Patients with Wiskott-Aldrich Syndrome, Science, pubblicato online 11 luglio 2013.
Leggi l’articolo completo (articolo non disponibile.  Per utenti dell’Università di Firenze è possibile richiederlo attraverso il nostro servizio di prestito interbibliotecario e fornitura documenti)

Alessandra Biffi, Eugenio Montini, Laura Lorioli, Martina Cesani, Francesca Fumagalli, Tiziana Plati,Cristina Baldoli, Sabata Martino, Andrea Calabria, Sabrina Canale, Fabrizio Benedicenti, Giuliana Vallanti,Luca Biasco, Simone Leo, Nabil Kabbara, Gianluigi Zanetti, William B. Rizzo, Nalini A. L. Mehta,Maria Pia Cicalese, Miriam Casiraghi, Jaap J. Boelens, Ubaldo Del Carro, David J. Dow, Manfred Schmidt,Andrea Assanelli, Victor Neduva, Clelia Di Serio, Elia Stupka, Jason Gardner, Christof von Kalle,Claudio Bordignon, Fabio Ciceri, Attilio Rovelli, Maria Grazia Roncarolo, Alessandro Aiuti, Maria Sessa, and Luigi Naldini, Lentiviral Hematopoietic Stem Cell Gene Therapy Benefits Metachromatic Leukodystrophy, Science, pubblicato online 11 luglio 2013.
Leggi l’articolo completo (articolo non disponibile.  Per utenti dell’Università di Firenze è possibile richiederlo attraverso il nostro servizio di prestito interbibliotecario e fornitura documenti)

Fonte: Osservatorio malattie rare

 

Posted in Consigli di lettura | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Progetto COGS: principali risultati pubblicati su Nature Genetics

Posted by bibliotecabiomedica su maggio 16, 2013

Il progetto COGS (Collaborative Oncological Gene-Environment Study), uno degli studi più imponenti mai eseguiti, ha portato all’individuazione di oltre 80 marcatori genetici che fanno aumentare il rischio di cancro al seno, alle ovaie e alla prostata.
Il progetto, coordinato dal Karolinska Institutet in Svezia, dall’Università di Cambridge e dall’Istituto per la ricerca sul cancro (ICR) nel Regno Unito e finanziato dalla UE con 12 milioni di euro, ha visto la collaborazione di 160 centri di ricerca, la cui rete ha riunito cinque studi globali su 100 000 pazienti affetti da cancro al seno, alle ovaie o alla prostata. 100 000 volontari sani sono serviti come gruppo di controllo.
Lo studio ha mostrato che una variazione genetica comune, nota come polimorfismo a singolo nucleotide, collega tutte e tre le tipologie tumorali.

I 13 articoli più rilevanti, scaturiti  da questo progetto, sono stati pubblicati su un numero speciale di Nature Genetics e sono accessibili da un portale dedicato.

Fonte: Notiziario Cordis

Posted in Consigli di lettura | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Leucemia cronica atipica: italiani scoprono i geni correlati

Posted by bibliotecabiomedica su dicembre 11, 2012

E’ stata pubblicata su Nature Genetics e verrà presentata oggi al Congresso della Società americana di ematologia ad Atlanta la ricerca, condotta da scienziati dell’Università Bicocca di Milano, sui geni collegati alla leucemia cronica atipica.
Lo studio ha individuato le mutazioni di un gene chiamato SETBP1 che ricorrono nel 25-40% dei pazienti con leucemica mieloide cronica atipica: il suo meccanismo d’azione, di fatto, porta a rendere difettosa una proteina che, anzichè degradarsi, si accumula provocando la formazione del tumore.

Articolo di riferimento:
Rocco Piazza, Simona Valletta, Nils Winkelmann, Sara Redaelli, Roberta Spinelli, Alessandra Pirola, Laura Antolini, Luca Mologni, Carla Donadoni, Elli Papaemmanuil, Susanne Schnittger, Dong-Wook Kim, Jacqueline Boultwood, Fabio Rossi, Giuseppe Gaipa, Greta P De Martini, Paola Francia di Celle, Hyun Gyung Jang, Valeria Fantin, Graham R Bignell, Vera Magistroni, Torsten Haferlach, Enrico Maria Pogliani, Peter J Campbell, Andrew J Chase, William J Tapper, Nicholas C P Cross & Carlo Gambacorti-Passerini, Recurrent SETBP1 mutations in atypical chronic myeloid leukemia, Nature genetics, pubblicato online il 9 dicembre 2012
Leggi l’articolo completo (solo per utenti dell’Università di Firenze)

Fonte: ADNkronos

Posted in Consigli di lettura | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Variazioni cromosomiche: ebook online su NLM

Posted by bibliotecabiomedica su ottobre 13, 2012

Sul Bookshelf della National Library of Medicine è disponibile la nona edizione, con i dati aggiornati al 2011 di “Chromosomal variation in man: un catalogo delle anomalie e delle varianti cromosomiche” di Digamber S Borgaonkar.

Il libro è liberamente consultabile online

Fonte: NLM

Posted in Consigli di lettura, Open Access, Periodici elettronici E-books | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Cancro colonrettale: diagnosi precoce di resistenza ai farmaci

Posted by bibliotecabiomedica su giugno 27, 2012

Ricercatori italiani e statunitensi hanno scoperto che mutazioni in un gene chiamato KRAS sono associate con un ruolo causale alla resistenza acquisita a terapie mirate per i cancri colonrettali, in particolare al farmaco cetuximab.

Uno studio complementare, invece, mostra come le mutazioni nella resistenza nel KRAS e in altri geni sono molto probabilmente presenti in una sottopopolazione di cellule tumorali già prima del trattamento.

Entrambi gli studi mostrano che il DNA proveniente da queste mutazioni può essere rilevato in “biopsie liquide” diversi mesi prima che siano osservabili delle prove radiografiche della progressione della malattia.

Articoli di riferimento:

  1. Sandra Misale, Rona Yaeger, Sebastijan Hobor, Elisa Scala, Manickam Janakiraman, David Liska, Emanuele Valtorta, Roberta Schiavo, Michela Buscarino, Giulia Siravegna, Katia Bencardino, Andrea Cercek, Chin-Tung Chen, Silvio Veronese, Carlo Zanon, Andrea Sartore-Bianchi, Marcello Gambacorta, Margherita Gallicchio, Efsevia Vakiani, Valentina Boscaro, Enzo Medico, Martin Weiser, Salvatore Siena, Federica Di Nicolantonio, David Solit et al., Emergence of KRAS mutations and acquired resistance to anti-EGFR therapy in colorectal cancer, Nature, pubblicato online il 13 giugno 2012
    Leggi l’articolo completo (solo per utenti dell’Università di Firenze)
  2. Luis A. Diaz Jr, Richard T. Williams, Jian Wu, Isaac Kinde, J. Randolph Hecht, Jordan Berlin, Benjamin Allen, Ivana Bozic, Johannes G. Reiter, Martin A. Nowak, Kenneth W. Kinzler, Kelly S. Oliner & Bert Vogelstein, The molecular evolution of acquired resistance to targeted EGFR blockade in colorectal cancers, Nature, pubblicato online il 13 giugno 2012
    Leggi l’articolo completo (solo per utenti dell’Università di Firenze)

Fonte: Notiziario CORDIS

Posted in Consigli di lettura, Periodici elettronici E-books | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Proteina Y14 e TAR: legame genetico per la malattia?

Posted by bibliotecabiomedica su aprile 6, 2012

Uno studio, pubblicato su Nature Genetics, sembra finalmente aver individuato un legame tra bassi contenuti di proteina Y14 e lo sviluppo di una rara malattia ereditaria, la trombocitopenia con assenza di radio (TAR). La scoperta potrebbe aiutare a sviluppare la diagnosi prenatale e la consulenza genetica in famiglie colpite dalla TAR.
In questo studio, i ricercatori hanno sequenziato i genomi di persone colpite dalla malattia che erano anche portatrici delle delezione e hanno scoperto che la maggior parte di queste presentavano una o due varianti di un gene chiamato RBM8A. La TAR è innescata quando la delezione genetica e una delle varianti sono coereditate da un bambino.
RBM8A controlla la produzione di Y14. La combinazione della delezione genetica di una copia del gene RBM8A e le varianti sull’altra copia diminuisce il livello di Y14. Quindi i bassi livelli di Y14 colpiscono la formazione di piastrine e portano alla sindrome TAR.

Articolo di riferimento:
Albers, C. A. et al., Compound inheritance of a low-frequency regulatory SNP and a rare null mutation in exon-junction complex subunit RBM8A causes TAR syndrome, Nature Genetics, pubblicato online febbraio 2012.
Leggi l’articolo completo (solo per utenti dell’Università di Firenze)

Fonte: Notiziario CORDIS

Posted in Consigli di lettura, Periodici elettronici E-books | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Sclerosi multipla: scoperti da un team italiano i biomarcatori specifici

Posted by bibliotecabiomedica su dicembre 19, 2011

Basterà un prelievo di sangue per identificare la sclerosi multipla? Sembra proprio di sì, secondo quanto sostiene un gruppo di ricercatori del San Raffale di Milano, che ha pubblicato l’importante scoperta su Journal of autoimmunity. Attraverso un’analisi di genomica funzionale sono stati identificati i biomarcatori specifici per questa patologia.

Articolo di riferimento:
Ramesh Menon, Marco Di Dario, Chiara Cordiglieri, Silvia Musio, Loredana La Mantia, Clara Milanese, Anna Luisa Di Stefano, Massimo Crabbio, Diego Franciotta, Roberto Bergamaschi, Rosetta Pedotti, Enzo Medico, Cinthia Farina, Gender-based blood transcriptomes and interactomes in multiple sclerosis: Involvement of SP1 dependent gene transcription , Journal of autoimmunity, online dal 25 novembre 2011.
Leggi l’articolo completo (solo per utenti dell’Università di Firenze)

Fonte: Cybermed

Posted in Consigli di lettura, Periodici elettronici E-books | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Melanoma maligno: scoperto un gene che causa le metastasi

Posted by bibliotecabiomedica su dicembre 12, 2011

Uno studio, finanziato dalla Commissione Europea, ha scoperto che il  gene P-Rex1 fa in modo che le cellule del cancro si separino dal tumore originale e si diffondano o si metastatizzino in altri organi, come il cervello. Lo studio è finora stato condotto sui topi, ma confrontando campioni umani i ricercatori hanno osservato che anche nei campioni di melanoma prelevato dagli uomini erano presenti alti livelli di p-rex1.

Articolo di riferimento:
Lindsay, C. R. et al., P-Rex1 is required for efficient melanoblast migration and melanoma metastasis, Nature Communications, 2 (2011), articolo 555.
Articolo non disponibile. Richiedilo attraverso il nostro servizio di fornitura documenti (solo per utenti dell’Università di Firenze)

Fonte: Notiziario CORDIS

Posted in Consigli di lettura, Periodici elettronici E-books | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Leucemia: speranze da terapia genica americana

Posted by bibliotecabiomedica su agosto 12, 2011

I primi risultati, insperati, permettono un cauto ottimismo, anche se la strada sarà ancora lunga. Uno mini trial, condotto su tre pazienti con leucemia linfocitica cronica in fase avanzata, ha condotta alla remissione della malattia in due di loro da oltre un anno e all’assenza di evidenza della malattia nel terzo.
La terapia genica è consistita nella modifica dei linfociti T prelevati ai pazienti e riprogrammati con un vettore virale, in modo da produrre una proteina (recettore Car) che aggancia una particolare struttura presente sulle cellule malate (antigene CD19).

Articolo di riferimento:
Walter J. Urba and Dan L. Longo, Redirecting T Cells, New England Journal of Medicine, pubblicato online il 10 agosto 2011
Leggi l’articolo completo (solo per utenti autorizzati dell’Università di Firenze)

Fonte: AdnKronos Salute

Posted in Consigli di lettura | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: