Bibliomedica In-forma

News e segnalazioni dalla Biblioteca Biomedica dell'Università di Firenze

  • settembre: 2017
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
  • Archivi

Posts Tagged ‘Obesità’

Liraglutide efficace contro l’obesità: studio su NEJM

Posted by bibliotecabiomedica su luglio 2, 2015

E’ stato pubblicato uno studio sul New England Journal of Medicine che mostra i risultati ad uno anno del trial SCALE (Satiety and Clinical Adiposity—Liraglutide): il farmaco, un antidiabetico analogo del peptide-1 simil-glucagone (GLP-1) umano, si è mostrato efficace e sicuro per la perdita di peso nei pazienti obesi o sovrappeso, in combinazione con dieta ed esercizio fisico.
Sulla base dei dati del trial sia FDA che EMA hanno già approvato il farmaco con indicazione contro l’obesità.

Articolo di riferimento:
Pi-Sunyer X, Astrup A, Fujioka K, Greenway F, Halpern A, Krempf M, Lau DC, le Roux CW, Violante Ortiz R, Jensen CB, Wilding JP; SCALE Obesity and Prediabetes NN8022-1839 Study Group. A Randomized, Controlled Trial of 3.0 mg of Liraglutide in Weight Management. New England Journal of Medicine. 2015 Jul 2;373(1):11-22
Leggi l’articolo completo (solo per utenti dell’Università di Firenze)

Annunci

Posted in Consigli di lettura | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Okkio alla salute: diminuiscono i bambini obesi in Italia

Posted by bibliotecabiomedica su febbraio 20, 2013

Seppure di poco, nel 2012 è in calo la percentuale di bambini di età compresa tra gli 8 e i 9 anni obesi o sovrappeso. Questo è uno dei dati che emerge dai dati raccolti nela terza edizione dell’attività di sorveglianza Okkio alla salute.
La rilevazione ha riguardato 46492 bambini di terza elementare, dei quali il 32.2% è risultato in sovrappeso o obeso (-2.9% rispetto alla prima rilevazione), maggiormente presenti nelle regioni del Centro-Sud.

Leggi la sintesi dei risultati 2012

Fonte: Ministero della Salute

Posted in Consigli di lettura | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Obesità: il bendaggio gastrico si conferma efficace

Posted by bibliotecabiomedica su gennaio 21, 2013

Uno studio, condotto da ricercatori della Monash University di Melbourne e pubblicato sugli Annals of surgery, conferma l’efficacia del bendaggio gastrico nella riduzione definitiva del peso.
La ricerca ha monitorato 3.227 pazienti che avevano effettuato un bendaggio gastrico tra il 1994 e il 2011: di questi pazienti 714, dopo 10 anni, hanno mantenuto in media una perdita di peso di 26 chili.

Articolo di riferimento:
Oʼbrien PE, Macdonald L, Anderson M, Brennan L, Brown WA., Long-term outcomes after bariatric surgery: fifteen-year follow-up of adjustable gastric banding and a systematic review of the bariatric surgical literature, Annals of surgery, 2013, 257 (1), p. 87-94.
Leggi l’articolo completo (solo per utenti dell’Università di Firenze)

Fonte: AdnKronos

Posted in Consigli di lettura | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Gastrectomia verticale (Sleeve): filmato su ORlive

Posted by bibliotecabiomedica su agosto 1, 2012

E’ disponibile su Orlive il video di un intervento di gastrectomia verticale (Sleeve), tecnica utilizzata in chirurgia bariatrica che consiste nell’asportazione di gran parte dello stomaco lasciando  una lunga struttura tubolare che collega l’esofago all’intestino tenue.
L’intervento è stato eseguito al John Muir Medical Center.

Guarda il filmato (circa 2 ore)

Fonte: Orlive

Posted in Come si fa?, Open Access, Video e filmati, Web tech Web 2.0 | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Da SIGN nuove linee guida sull’obesità

Posted by bibliotecabiomedica su febbraio 24, 2010

SIGN ha pubblicato delle nuove linee guida per la gestione dell’obesità nei bambini, negli adolescenti e negli adulti.
Le linee guida puntano prevalentemente sulla prevenzione primaria, intervendo su pazienti normopeso o sovrappeso per evitare possano arrivare all’obesità.

Leggi le linee guida complete

Posted in Come si fa?, Consigli di lettura, Open Access | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Dalla Mayo Clinic una scoperta sulla chiave dell’obesità

Posted by bibliotecabiomedica su gennaio 7, 2010

Ricercatori della Mayo Clinic, insieme a colleghi della University of Iowa, University of Connecticut e della New York University (NYU), hanno scoperto il meccanismo molecolare che regola il consumo energetico dei grassi nei muscoli.
Il meccanismo è controllato  dai canali del potassio Atp-sensibili (canali Katp), disattivando i quali si costringe il corpo a usare l’energia in modo meno efficiente. Lo studio, per ora condotto solo sui topi, è stato pubblicato su Cell Metabolism.

Articolo di riferimento:
Alexey E. Alekseev, Santiago Reyes, Satsuki Yamada, Denice M. Hodgson-Zingman, Srinivasan Sattiraju, Zhiyong Zhu, Ana Sierra, Marina Gerbin, William A. Coetzee, David J. Goldhamer, Andre Terzic, Leonid V. Zingman, Sarcolemmal ATP-Sensitive K+ Channels Control Energy Expenditure Determining Body Weight, Cell Metabolism, Vol. 11, Issue 1, 6 January 2010p. 58-69
Leggi l’articolo completo (solo per utenti dell’Università di Firenze)

Fonte: Mayo Clinic News

Posted in Consigli di lettura, Periodici elettronici E-books | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Da lunedì in Italia la prima pillola antiobesità “da banco”

Posted by bibliotecabiomedica su novembre 20, 2009

Sarà disponibile da lunedì 23 novembre nelle farmacie italiane senza prescrizione medica Alli®, farmaco contenente 60mg di orlistat (metà della dose contenuta nella pillola per la quale è richiesta la ricetta del  medico), che promette, in associazione – come sempre – con un regime dietetico e dell’attività fisica adeguati, di far perdere 1 Kg in più per ogni 2Kg persi con la dieta.
E’ raccomandato esclusivamente agli adulti con indice di massa corporea (Bmi) pari o superiore a 28 kg/m², e agisce impedendo che parte dei grassi assunti con la dieta vengano assorbiti dall’intestino.

Fonte: AdnKronos

Posted in News da Internet | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Dall’Università di Firenze un passo avanti contro l’obesità e le malattie metaboliche collegate

Posted by bibliotecabiomedica su ottobre 5, 2009

Un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Fisiopatologia clinica dell’Università di Firenze ha sviluppato un modello di cellule staminali adulte dal tessuto adiposo umano.
Si tratta del primo modello umano per lo studio in vitro dei meccanismi di formazione e mantenimento del tessuto adiposo, in particolare di quello viscerale, le cui alterazioni sono alla base dello sviluppo di patologie metaboliche quali obesità, diabete, insulino-resistenza.

Articolo di riferimento:
Silvana Baglioni, Michela Francalanci, Roberta Squecco, Adriana Lombardi, Giulia Cantini, Roberta Angeli, Stefania Gelmini, Daniele Guasti, Susanna Benvenuti, Francesco Annunziato, Daniele Bani, Francesco Liotta, Fabio Francini, Giuliano Perigli, Mario Serio, and Michaela Luconi, Characterization of human adult stem-cell populations isolated from visceral and subcutaneous adipose tissue, FASEB Journal 2009 23: 3494-3505
Leggi l’articolo completo

Posted in Consigli di lettura, Periodici elettronici E-books | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Diabete di tipo 2 si risolve con la chirurgia bariatrica

Posted by bibliotecabiomedica su agosto 31, 2009

A sostenerlo è la più vasta meta-analisi condotta fino ad oggi sull’impatto della chirurgia bariatrica sul diabete di tipo 2 (oltre 135.00 pazienti),
I dati sono stati presentati al XIV Congresso Mondiale della Federazione internazionale della Chirurgia dell’Obesita’ e delle Malattie Metaboliche (Ifso) e dimostrano che per la gran parte dei pazienti obesi sottoposti a interventi di chirurgia bariatrica il diabete di tipo 2 si risolve o migliora a seguito dell’operazione.
Per la precisione il il 78,1% dei pazienti ha avuto una risoluzione completa del diabete dopo l’intervento chirurgico e l’86,6% una risoluzione o un miglioramento.

Fonte: Cybermed

Posted in News da Internet | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cellule staminali del tessuto adiposo bruno nel collo: una speranza per obesità e diabete?

Posted by bibliotecabiomedica su maggio 12, 2009

Ricercatori dell’Università politecnica delle Marche, guidati dal Prof. Cinti, hanno scoperto un accumulo di cellule madri del tessuto adiposo bruno alla base del collo, in grado di bruciare i grassi.
Coltivandole, sarebbe poi possibile trapiantarle per curate pazienti con obesità grave  o diabetici.
La scoperta dell’ateneo marchigiano si basa su biopsie da tessuti di 35 individui adulti operati alla tiroide: il tessuto adiposo bruno è stato trovato in un terzo dei pazienti.

Articolo di riferimento:
Maria Cristina Zingaretti, Francesca Crosta, Alessandra Vitali, Mario Guerrieri, Andrea Frontini, Barbara Cannon, Jan Nedergaard, and Saverio Cinti,The presence of UCP1 demonstrates that metabolically active adipose tissue in the neck of adult humans truly represents brown adipose tissue, FASEB Journal, pubblicato online il 5 maggio 2009
Leggi l’articolo completo (solo per utenti dell’Università di Firenze)

Fonte: SanitàNews

Posted in Consigli di lettura, Periodici elettronici E-books | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Obesità grave: scoperti nuovi fattori genetici

Posted by bibliotecabiomedica su gennaio 23, 2009

Sono tre le varianti genetiche individuate che aumenterebbero il rischio per un individuo di diventare obeso, e che potrebbero essere responsabili di quasi la metà di tutti i casi esistenti di obesità grave.
Lo studio, pubblicato su Nature Genetics, includeva l’esame dell’intero genoma di ogni partecipante allo studio per individuare i “marcatori” della variazione genetica che potrebbe essere associata ad un particolare tratto (in questo caso l’obesità). Sono stati messi a confronto due gruppi: 1.380 europei con obesità ad insorgenza precoce (prima dei sei anni d’età) e obesità morbida dell’adulto, e 1416 soggetti normopeso della stessa età.
È anche stato esaminato il genotipo di 14.186 soggetti europei. In questo gruppo 38 marcatori genetici erano fortemente associati ad un indice di massa corporea (misura dell’obesità) al di sopra della media.
Le scoperte indicano tre mutazioni che sono notevolmente legate al rischio di obesità grave: la prima, individuata vicino al gene PTER, è responsabile di circa un terzo di tutte le obesità ad insorgenza precoce e di un quinto dei casi di obesità in età adulta; la seconda, nel gene NPC1, sarebbe responsabile di fino al 10% dell’obesità infantile e del 14% dei casi di obesità morbida dell’adulto; la terza, infine, vicino al gene MAF, si è dimostrata coinvolta in circa il 6% dell’obesità ad insorgenza precoce e nel 16% dei casi di obesità morbida dell’adulto.
La ricerca è stata finanziata in parte dall’UE attraverso il progetto EURO-BLCS.

Articolo di riferimento:
Meyre D., et al. , Genome-wide association study for early-onset and morbid adult obesity identifies three new risk loci in European populations, Nature Genetics (in press). Pubblicato online il 18 gennaio
Leggi l’articolo completo (solo per utenti dell’Università di Firenze)

Fonte: CORDIS Notiziario

Posted in Consigli di lettura, Periodici elettronici E-books | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Tesofensine: il più potente farmaco contro l’obesità?

Posted by bibliotecabiomedica su dicembre 2, 2008

Parrebbe essere l’incredibile quanto fortuita scoperta di alcuni ricercatori danesi che lo stavano sperimentando come trattamento per il morbo d’Alzheimer e di Parkinson. La sua potenza nel ridurre lo stimolo della fame lo renderebbe il sostituto farmaceutico della chirurgia anti-obesità.
Da questa scoperta casuale è partito un trial che ha coinvolto 161 pazienti obesi, il cui peso medio e’ stato di 100 chilogrammi: i pazienti a cui e’ stata somministrata la dose massima del farmaco, in combinazione con una dieta adeguata, hanno perso 12,8 chilogrammi in sei mesi. In pratica, hanno perso ben 10 chili in piu’ dei pazienti a cui e’ stato somministrato del placebo.
“Con mia grande sorpresa – ha spiegato Astrup, docente del dipartimento di nutrizione umana della University of Copenhagen e responsabile del trial- il trial ha rivelato una perdita di peso di gran lunga piu’ grande di quanto avevo previsto. Abbiamo testato il farmaco con una dieta leggera, ma se lo avessimo fatto con una piu’ dura dura potevamo aspettarci una perdita di peso di 20 chilogrammi. Una perdita comparabile a quella della chirurgia gastrica”.

Fonte: Cybermed

Aggiornamento al 2 Dicembre 2008:
Sono stati pubblicati su Lancet lo studio riguardante il trial e un commento che ne analizza i primi risultati.

1. Arne Astrup, Sten Madsbad, Leif Breum, Thomas J Jensen, Jens Peter Kroustrup, Thomas Meinert Larsen, Effect of tesofensine on bodyweight loss, body composition, and quality of life in obese patients: a randomised, double-blind, placebo-controlled trial, The Lancet, Vol. 372, Issue 9653, p. 1906-1913
Leggi l’articolo completo (solo per utenti dell’Università di Firenze)

2. George A Bray, Is new hope on the horizon for obesity?, The Lancet, Vol. 372, Issue 9653, p.  1859-1860
Leggi l’articolo completo (solo per utenti dell’Università di Firenze)

Fonte: Lancet

Posted in News da Internet | Contrassegnato da tag: , , | 2 Comments »

Obesità e funzionalità sessuale: nuovo studio dall’Università di Firenze

Posted by bibliotecabiomedica su novembre 25, 2008

Lo studio, condotto presso l’Universita’ di Firenze e presentato ieri nel corso della “Week for Andrology” a Roma, dimostra, con una certa evidenza che l’entita’ della massa grassa si associa, in maniera proporzionale, alla diminuzione dei livelli circolanti del testosterone.
Pertanto, la sua riduzione puo’ ulteriormente compromettere il problema sessuale.

Fonte: Cybermed

Posted in News da Internet | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Chirurgia bariatrica: nuovo filmato su Medline Plus

Posted by bibliotecabiomedica su ottobre 22, 2008

E’ stato pubblicato, nella sezione Webcast of surgical procedures, un nuovo filmato su un intervento di chirurgia bariatrica, eseguito al Vanderbilt University Medical Center di Nashville.

Guarda l’intero filmato

Fonte: Medline plus

Posted in Come si fa?, Open Access, Video e filmati, Web tech Web 2.0 | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Obesità pediatrica: nuove linee guida della Endocrine Society

Posted by bibliotecabiomedica su settembre 26, 2008

La Endocrine Society ha appena pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, e tra breve le pubblicherà sul proprio sito, delle nuove linee guida per il trattamento e la prevenzione dell’obesità in età pediatrica.

Articolo di riferimento:
Gilbert P. August, Sonia Caprio, Ilene Fennoy, Michael Freemark, Francine R. Kaufman, Robert H. Lustig, Janet H. Silverstein, Phyllis W. Speiser, Dennis M. Styne, Victor M. Montori,  Prevention and Treatment of Pediatric Obesity: An Endocrine Society Clinical Practice Guideline Based on Expert Opinion, Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, First published online on 9th September 2008
Leggi l’articolo completo (solo per utenti dell’Università di Firenze)

Fonte: Medscape

Posted in Consigli di lettura, News da Internet, Periodici elettronici E-books | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: